Analisi realizzata dal Chief Market Analyst di XTB, David Cheetham.

Dopo la situazione Brexit della scorsa settimana, l’estensione dell’articolo 50 sembra un affare fatto. Tuttavia, la portata dei progressi nei negoziati durante la settimana a venire sarà cruciale per vedere se vedremo solo un breve ritardo di 3 mesi o uno più lungo. Oltre a ciò, l’USD avrà la possibilità di riconquistare terreno in quanto il FOMC è impostato per tenere riunioni trimestrali. Ultimo ma non meno importante, gli indici PMI preliminari di marzo forniranno un aggiornamento sulle condizioni nelle economie dell’UE e degli Stati Uniti.

Voto sulla Brexit e vertice dei leader dell’UE (votazione – mercoledì, vertice – giovedì-venerdì)

I voti nel parlamento britannico programmati per la settimana precedente sono andati esattamente come previsto – il parlamento ha respinto ancora una volta l’accordo della May e ha escluso un non-accordo, optando per il rinvio del termine. Ora bisogna capire a quanto ammonta la durata del rinvio. Nel caso in cui i legislatori britannici non riuscissero a sostenere l’accordo entro il 20 marzo, Theresa May tenterà di negoziare un’estensione più lunga con i leader dell’UE durante il vertice a Bruxelles. Tuttavia, nel caso in cui lei riesca in qualche modo a convincere il parlamento a sostenerla, l’estensione fino a giugno è l’opzione più probabile. Mercati interessati: UK100, GBPUSD.

Riunione del FOMC (mercoledì, decisione – 18:00 GMT, conferenza – 18:30 GMT)

Le prospettive per la politica monetaria statunitense sono un po’ contrastanti. Da un lato, la crescita dei salari ha accelerato in modo significativo aumentando la possibilità di far emergere alcune pressioni inflazionistiche. Dall’altro, gli ultimi commenti dei membri della Fed erano abbastanza accomodanti. Bisogna capire i loro segnali, in quanto gli investitori si chiedono se i banchieri centrali degli Stati Uniti manterranno la loro politica di un rialzo dei tassi in ciascuno dei prossimi due anni e una pausa nel 2021. Inoltre, anche eventuali osservazioni sui bilanci di chiusura potrebbe spostare i mercati. Mercato interessato: US500, TNOTE.

Indici PMI dagli Stati Uniti e dall’area dell’euro (venerdì)

Lo spettro del rallentamento economico continua ad aleggiare sull’economia globale, poiché ultimamente non sono stati offerti sviluppi nelle trade wars USA-Cina, a parte le notizie che vedono Trump e Xi probabilmente incontrarsi in una data successiva rispetto a quanto precedentemente previsto. Tale annuncio è stato visto come un segnale negativo con i negoziati non stanno andando come previsto. Detto questo, potremmo dover attendere un po’ più a lungo un rimbalzo degli indici PMI di produzione. Mercati interessati: EURUSD, USDJPY.